8/15/2016

Amatriciana Solidale: in 5000 sul Sentierone per aiutare i terremotati 31 Agosto Bergamo

Amatriciana Solidale cena per 5000 persone sul Sentierone in aiuto ai terremotati 31 Agosto Bergamo

Amatriciana Solidale

cena per 5000 persone sul Sentierone in aiuto ai terremotati

31 Agosto

Bergamo

I proventi di una grande cena a base di amatriciana sul Sentierone, l’incasso dei musei cittadini e il 10% degli stipendi di agosto di sindaco e Giunta: alle popolazioni terremotate del Centro Italia il Comune di Bergamo destinerà le risorse raccolte con queste tre iniziative che verranno convogliate tutte su un unico conto corrente ad hoc che verrà aperto nella mattinata di venerdì 26 agosto.

E’ questa la pronta risposta che il sindaco Giorgio Gori e tutta l’amministrazione comunale hanno voluto dare in seguito al sisma di magnitudo 6 che si è scatenato nella notte di mercoledì e che ha messo in ginocchio interi paesi del Reatino tra cui Amatrice, simbolo della distruzione provocata dal terremoto.
Ed è proprio legata ad Amatrice l’iniziativa più rilevante messa in campo da Palazzo Frizzoni: mercoledì 31 agosto, a partire dalle 19.30, sul Sentierone si cenerà a base di amatriciana con un contributo minimo di 10 euro per gli adulti e di 5 euro per i bambini, senza bisogno di prenotazione. Una grande cena solidale che, nell’idea del sindaco Gori, vuole essere “di dimensione popolare come l’abbraccio delle mura: vogliamo mettere a sedere cinquemila persone e in un solo giorno abbiamo già recuperato tavoli, sedie, piatti, bicchieri e posate. Abbiamo condiviso l’iniziativa con la Federazione Cuochi Italiani di Bergamo e con Slow Food, ci affiancano il Consorzio Tutela Valcalepio e Aspan”.
Di grande importanza anche la decisione di destinare ai terremotati l’intero incasso dei musei cittadini di domenica 28 agosto: Accademia Carrara, Gamec, Museo Archeologico, Museo di Scienze Naturali e quelli gestiti dalla Fondazione Bergamo nella Storia.
“Ci piacerebbe che tanta gente vada nei nostri musei e dia una mano passando per la cultura – spiega l’assessore alla Cultura Nadia Ghisalberti – Lo stesso provvedimento è stato adottato a livello nazionale e ci accodiamo anche noi: un piccolo gesto di solidarietà e vicinanza”.
Ultima, ma non meno importante, la scelta del sindaco e degli assessori di destinare il 10% del proprio compenso del mese di agosto a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma: in passato anche i consiglieri avevano fatto lo stesso con i propri gettoni di presenza e, anche in questo caso, avranno libera scelta.
“Sono le prime iniziative che abbiamo deciso – ha concluso il sindaco – poi nei prossimi giorni vedremo che altro si può fare. Ad ora viene sconsigliato l’invio di generi di prima necessità, il quadro si definirà nei prossimi giorni: restano in pre allerta i volontari della nostra protezione civile, così come i nostri tecnici e ingegneri che già sono stati a L’Aquila e si sono resi di nuovo disponibili per la verifica statica degli edifici”.

Nessun commento:

Posta un commento