9/04/2015

100x100 Valpolicella Classica Tour d'assaggio della Valpolicella, alle origini dell'Amarone


100x100 Valpolicella Classica

Tour d'assaggio della Valpolicella, alle origini dell'Amarone



C'è tempo fino a ottobre per partecipare a "100x100 Valpolicella Classica", il tour guidato che Cantina Valpolicella Negrar (www.cantinanegrar.it), la Cantina che negli anni '30 del secolo scorso ha dato il nome all'Amarone, propone in onore a Expo.

Amarone, una nascita che sembra leggenda. Come per tante grande invenzioni, anche l'origine dell'Amarone si deve, in parte, al caso. La sua nascita risale al 1936, quando nelle cantine di Villa Mosconi ad Arbizzano, frazione di Negrar, sede al tempo di Cantina Valpolicella Negrar, il cantiniere Adelino Lucchese si accorse di aver lasciato fermentare troppo a lungo una botte di Recioto, passito rosso considerato allora il vino più importante della Valpolicella. Complice la felice intuizione di come stavano cambiando i vini del territorio e il gusto dei loro estimatori, Il direttore Gaetano Dall'Ora si rese conto di avere nel bicchiere, invece che un “Recioto andato in amaro, un grande “Amarone”. Avvenne così, il “battesimo” dell’Amarone Extra della Valpolicella, imbottigliato per la prima volta con questa dicitura nel 1939 dalla Cantina, che ne custodisce ancora una bottiglia nel Caveau delle bottiglie storiche.
Il tour "100x100 Valpolicella Classica". Il Caveau è naturalmente uno dei luoghi che si visitano nel tour proposto dalla cantina Cooperativa negrarese per scoprire la diversità e l'originalità del territorio e dei vini, in degustazione a fine percorso. Che inizia a Negrar, tra le colline della Valpolicella storica, per passare all'interno della Cantina con la visita al Museo dell'Appassimento, in cui sono illustrati i metodi usati nel territorio per appassire le uve. Si continua poi verso la bottaia delle Barrique, il caveau delle bottiglie storiche e la bottaia d’Autore. L'itinerario prosegue nella sala Domìni Veneti dove si degustano i vini più rappresentativi della zona - dal Valpolicella Superiore al Ripasso, dall'Amarone al Recioto -, in abbinamento a prodotti tipici di qualità, per terminare in Enoteca. Il costo del tour va da 12 a 33 euro a persona, a seconda della degustazione e del numero dei partecipanti, info e prenotazioni Cantina Valpolicella Negrar, tel. 045.6014300 email info@cantinanegrar.it .

 Le delizie del territorio. Oltre ad essere territorio di vino, la Valpolicella offre tante occasioni di interesse turistico: la bellezza delle colline coltivate a viti, olivi e frutteti, la vicinanza con Verona, il lago di Garda e il Parco Naturale Regionale della Lessinia, in cui si trovano capolavori come il Ponte di Veja, uno dei ponti in roccia più grandi e belli d'Europa. Ed ancora, la possibilità di visitare le Cascate di Molina, nella valle di Fumane, celebre anche per la Grotta che figura tra i più importanti insediamenti al mondo della Preistoria, nonché le bellissime pievi longobarde e medievali disseminate nel territorio (maggiori info www.valpolicellaweb.it).
Chi visita Expo a Milano. Nel Padiglione del Vino italiano, frutto della collaborazione tra Ministero delle Politiche Agricole, Padiglione Italia e Veronafiere, all'interno della "Biblioteca del Vino", nello spazio dedicato al Veneto e al Consorzio Tutela Vini Valpolicella, sono in degustazione anche due tra i più rappresentativi e apprezzati vini di Cantina Valpolicella Negrar, il Ripasso Doc Classico La Casetta 2012 e l'Amarone della Valpolicella Docg Classico 2011 Domini Veneti.

Nessun commento:

Posta un commento