9/01/2014

Elav Yule Fest dal 17 al 21 dicembre Comun Nuovo (Bg)

Elav Yule Fest 2014


Elav Yule Fest

dal 17 al 21 dicembre
Comun Nuovo (Bg) 


Torna Elav Yule Fest 2014, dal 17 al 21 dicembre, dalle 19 al Birrificio Indipendente Elav in via Autieri d’Italia 268 a Comun Nuovo. Terza edizione per la festa d’inverno del Birrificio Indipendente Elav.

Cinque giorni di festa secondo la tradizione nordica per celebrare le notti più lunghe dell’anno fra birra artigianale, musica folk e cucina tipicamente invernale. Protagonisti saranno la birra Elav, Bergamo Film Meeting e le “dissonanze Elav”, la linea dolciaria con il Luppolone di Natale.

“Il rituale tradizionale della Yule Fest

era una veglia celebrata dal tramonto all'alba

per assicurarsi che il sole sorgesse nuovamente

dopo la notte più lunga dell’anno”.

Una festa per celebrare il sole nel giorno della sua più lunga assenza nell’emisfero boreale, aspettando il suo ritorno in compagnia della birra artigianale Elav, frutto combinato di sole e terra. Yule era, prima del cristianesimo e del Natale, la festa germanica e celtica che il 21 dicembre celebrava il solstizio d’inverno. Così come l’Elav Indie Fest avvenuta in concomitanza con l’equinozio d’autunno (una delle due giornate dell’anno in cui il giorno e la notte hanno la stessa identica durata) anche l’Elav Yule Fest si ispira a una festività nordica di derivazione astrale.



“Si trattava di un periodo di feste e danze

che nelle zone più isolate del nord Europa

continuò a essere celebrato per tutto il Medioevo”

Yule all’Elav sarà una festa a base di birra, musica e compagnia. Il folk darà il sottofondo musicale alle cinque serate al Birrificio Indipendente di Comun Nuovo in cui la gente e la birra artigianale creeranno una situazione di festa, un’anteprima del Natale celebrato anch’esso in modo artigianale, con un tocco di atmosfera celtica che riporterà a epoche passate, lontane dal Natale che conosciamo oggi. Celebrazioni lontane ma allo stesso tempo molto vicine. Basti pensare all’emblema del Natale, l’albero addobbato, la cui origine ci riporta alla Yule Fest pagana.

“Agli alberi sempreverdi venivano offerti birra e pane”

L’albero sempreverde era un simbolo della persistenza della vita anche nel freddo e nell’oscurità dell’inverno. La birra era il massimo dono offerto agli alberi in segno di venerazione al fine di portare alle famiglie un nuovo anno fertile e pieno di fortuna. L’albero di Yule nel paganesimo germanico rappresentava l’Yggdrasil, l’albero cosmico, il manifestarsi della realtà tramite le vibrazioni provocate dal principio di tutte le cose. Gli ingredienti ci sono tutti, buone vibrazioni e buona birra unite alla cucina tradizionale, tipicamente invernale. Oltre alla birra Elav ci saranno le birre del birrificio ospite, il birrificio Pontino di Latina, insieme al quale verrà brassata una birra speciale la cui ricetta verrà realizzata per l’occasione.

“Dalla parola Yule derivano le gilde (“jul-day”),

le aggregazioni fra artigiani durante i giorni dello Yule

che stavano a significare reciproco sostegno”

Il Birrificio Pontino non sarà l’unico partner della Elav Yule Fest. Fra le iniziative che avranno luogo in questi giorni ci sarà anche un’asta che avrà il fine di raccogliere i fondi per la 33^ edizione di una delle realtà culturali più importanti della nostra città, Bergamo Film Meeting. L’asta avrà luogo domenica e il banditore sarà Gros Grossetti, la voce ufficiale di tutta la terza edizione dell’Elav Yule Fest. Grazie alla collaborazione con il Bergamo Film Meeting, il Birrificio Indipendente Elav si è aggiudicato nel 2012 il premio Best Partnership Award al Festival of Festivals di Matera, come azienda che crede e sostiene gli eventi culturali in Italia.

“Yule significava morte del Vecchio Sole e nascita

del Sole Bambino grazie alla Madre Notte

e quindi il ritorno alla luce, alla speranza, al cibo”

Yule è ritorno alla vita, rinascita del sole e quindi per le popolazioni del nord, l’avvicinarsi del ritorno della primavera e del raccolto. Il cibo non mancherà alla Elav Yule Fest: cucina tradizionale, cucina tipica invernale, polenteria, hamburgheria e cucina vegetariana. Verrà allestita un’intera area dedicata alla pasticceria e un’altra dedicata ai prodotti natalizi Elav, fra cui il Luppolone di Natale e la linea dolciaria “Dissonanze di Elav” con cioccolatini e marmellate a base di luppolo, realizzate in collaborazione con la Pasticceria Ferrandi. Elav Yule Fest è un omaggio al Natale delle origini, alle popolazioni del nord Europa, alle terre dei culti ancestrali e della birra artigianale.

Da mercoledì 17 a domenica 21, tutte le sere dalle ore 19 al Birrificio Indipendente Elav – Comun Nuovo (Bergamo) Via Autieri d’Italia 268.

Evento Facebook: www.facebook.com/events/677047765743345

LA MUSICA ALLA ELAV YULE FEST

La musica scelta per la terza edizione della Elav Yule Fest è totalmente di stampo folk. Il folk è la musica dei popoli del nord e quindi in pieno tema con l’ispirazione della festa. Si parte con i Folkamiseria, band che viaggia fra le contaminazioni folk di diverse estrazioni partendo dalla musica popolare piemontese, loro regione di origine.

Mercoledì 17 ore 21.30

Folkamiseria

I Folkamiseria viaggiano sul filo della contaminazione unendo sonorità popolari provenienti da strumenti e repertori tradizionali, quali irlandese, piemontese, francese, kletzmer, con suoni moderni e contaminati di batteria, basso e chitarra elettrica.

www.folkamiseria.it

Giovedì 18 ore 21:30

Andrea Capezzuoli Trio

Organettista, cantante, suonatore di cornamusa, compositore, arrangiatore, insegnante e scrittore. Una vera istituzione della musica folk in Italia e non solo. Si presenta allo Yule in un trio formato da Fisarmonica, violino e chitarra.

www.andreacapezzuoli.com

Venerdì 19 ore 21:30

Greengrass Trio

La padronanza vocale e la sensibilità interpretative di Alessia Pasini e i raffinati arrangiamenti ritmici al violino di Colm Murphy sono accompagnati dall'elegante chitarra di Francesco Bettoni. Il gruppo esplora i territori della musica jazz, celtica e classica, per dare vita a suoni e atmosfere originali di entrambe le coste dell’Atlantico, distinguendosi dal resto della musica folk.

Sabato 20 ore 21:30

Il Bandarone

Trio di musica folk irlandese formato da Alessandro Riatti alla voce e chitarra, Daniele Bicego al bouzouki, flauto e cornamusa, Ivan Berto al bodhràn. Il bouzouki è uno strumento a corde originalmente utilizzato in grecia le cui origini risalgono all’antico strumento chiamato panduro. Il bodhràn invece è un tamburo a cornice irlandese, tipico della musica folk.

www.ilbandarone.it

Domenica 21 ore 21:30

Inis Fail

16 anni di attività , centinaia di concerti, in tutta Italia e all'estero, 4 CD. Ecco perchè Inis Fail è una delle più conosciute ed apprezzate Irish music band in Italia. A conferma di ciò ci sono le prestigiose collaborazioni con autorevoli musicisti locali, come Arty McGlinn o Liam O'Connor.

www.inisfail.it

Info: www.elavbrewery.com / 035 334206 / Facebook: Birrificio Indipendente Elav

Nessun commento:

Posta un commento