giovedì 20 febbraio 2014

Golosaria 2014 Monferato 8-9 Marzo



Golosaria tra i castelli del Monferrato è una grande rassegna itinerante, che puoi costruire su misura sui tuoi interessi e desideri. Il territorio monferrino, infatti, è costellato per l'occasione da appuntamenti, feste, assaggi e eventi culturali.
Alcune location, come il Castello di Casale, sono vive per tutto il weekend, animate anche da un consistente numero di espositori selezionati tra i magnifici produttori del Golosario. Altre, invece, si animano per eventi specifici il sabato o la domenica.

Scopri il programma consultando la sezione itinerari, dove gli eventi più importanti sono organizzati secondo un criterio geografico, e i luoghi di Golosaria, dove gli appuntamenti sono catalogati per comune.
Per vivere al meglio la rassegna, consulta anche la sezione mangiare e dormire: troverai un elenco di strutture ricettive e alberghi che hanno aderito alla manifestazioni con offerte e menu speciali.

Date e luoghi
sabato 8 e domenica 9 marzo 2014

SABATO | Casale M.to, Murisengo, Montemagno, Serralunga di Crea, Rosignano M.to, Fubine, Gabiano, Moncalvo, Altavilla M.to, Asti
DOMENICA | Casale M.to, Vignale M.to, Murisengo, Mirabello M.to, Fubine, Moncalvo, Montemagno, Casorzo, Gabiano, Dusino San Michele, Grana, Camino, Giarole, Grazzano Badoglio, Lu, Montiglio, Piea, Castagnole M.to, Rosignano M.to, Scurzolengo, Serralunga di Crea, Altavilla M.to, Asti

L'ingresso è libero e non occorre invito stampato, sia nella location principale (Castello di Casale) sia nei paesi e castelli aderenti alla manifestazione. 

 ALESSANDRIA
Palazzo Monferrato | Le gioie dell'aperitivo e della pasticceria

GIOVEDI' 6 E VENERDI' 7

Giovedì 6 marzo alle 17 a Palazzo Monferrato nel "salotto storico” della città, Golosaria si presenta per raccontare quelle che sono le radici di un'arte dell'ospitalità che viene da lontano. Ovvero dalla presenza di un'antica borghesia militare già nel settecento e poi di una abitudine a riunirsi per l'aperitivo e per le colazioni che prende le mosse già nel Novecento. Per questo a Golosaria si presenterà tutta la pasticceria provinciale, dalle De.Co. cittadine agli amaretti e poi ancora la grande biscotteria secca. Proprio quest'ultima sarà assunta a simbolo di un distretto del dolce che potrà rappresentare la provincia anche all'Expo 2015. Ma giovedì torneremo a parlare di Aperitivo alla Marengo, che potrà declinare il territorio negli assaggi da banco e, per i più fantasiosi, negli ingredienti stessi del cocktail. A giudicare la ricetta vincente una commissione di esperti con una "guida" a sorpresa. Venerdì 7, invece, dalle ore 18, i locali aderenti proporranno il loro cocktail accompagnati da finger food d'impronta territoriale.

Palazzo Monferrato

via S. Lorenzo, 3

CASALE MONFERRATO
Casale e il Castello del Monferrato
I magnifici produttori del Golosario a Casale città aperta!

SABATO E DOMENICA

Casale Monferrato può considerarsi ancora oggi la capitale del Monferrato. Storicamente appartenuta agli Aleramici, ai Paleologi e ai Gonzaga, è conosciuta anche come “città barocca” per i suoi monumenti, tra cui il Duomo di Sant’Evasio che nel 2007 ha festeggiato nove secoli di vita, il Teatro Municipale, la grandiosa Sinagoga o il Palazzo Gozzani di San Giorgio.



PER GOLOSARIA

• AL CASTELLO (SABATO ore 11-19.30 – DOMENICA ore 10-19)
Il maestoso Castello sarà aperto nelle sale superiori per incontrare gli artigiani del gusto con il meglio del Golosario nazionale insieme all'Enoteca Regionale del Monferrato per degustazioni e vendita.

• CASALE CITTA' APERTA (SABATO E DOMENICA)
Durante tutto il weekend Casale diventa Città Aperta, con il Mercatino dell'Antiquariato presso il Mercato Pavia annesso al Castello e aprendo al pubblico chiese, musei e monumenti (sarà possibile effettuare visite guidate).
Torre Civica e le chiese di Santa Caterina e San Michele (sabato dalle 15 alle 17,30 e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17.30)
Cattedrale di Sant'Evasio (dalle ore 15 alle 17)
• la chiesa di San Domenico (dalle 15 alle 17)
• l’Oratorio del Gesù (sabato e domenica dalle 15 alle 17,30).

Resteranno aperti, con ingresso a pagamento, anche i musei: il Tesoro del Duomo con orario 9,30-12 e 14,30-18 permettendo di ammirare preziosi reliquiari, splendidi tessuti e importanti mosaici. Saranno regolarmente aperti anche la Sinagoga (solo domenica dalle ore 10 alle ore 12 e dalle 15 alle 17) e il Museo Civico (sabato e domenica dalle 10,30 alle 13 e dalle 15 alle 18,30), situato nell’ex Convento di Santa Croce affrescato all’inizio del Seicento da Guglielmo Caccia detto il Moncalvo, che include: la Pinacoteca (che espone circa 250 opere tra dipinti, sculture e ceramiche), la Gipsoteca Bistolfi (con 170 sculture in gesso, marmo e bronzo dell'artista casalese Leonardo Bistolfi) e la Sala Archeologica.
La tessera cumulativa Momu (Monferrato Musei), al costo di 6 euro, permette l’ingresso ai tre musei casalesi.

• EVENTI IN SINAGOGA - DOMENICA
Domenica 9 marzo, presso la Sinagoga, dalle ore 10 (nel Cortile delle Api) mercatino di libri, vino e prodotti kasher. Alle ore 15.30, in Sala Carmi, incontro sul cibo kasher Monferrino "L’oca e il salame nella tradizione ebraica”, con la partecipazione dell'agronomo Gianluca Bettazzi, titolare dell’azienda l’Oca Sforzesca di Vigevano e Mariangela Besostri. Introduzione di Gianluca Cominetti dell’Associazione Brunoldi Ceci di Sartirana Lomellina. Claudia De Benedetti svelerà i segreti delle antiche ricette ebraiche monferrine della sua trisavola Rosina Leblis Donati. Al termine, degustazioni.

• AL RISTORANTE LA TORRE DI CASALE (SABATO SERA)
Per la serata di sabato il ristorante La Torre di Casale propone un menu speciale in occasione di Golosaria con il lancio di una nuova De.Co. simbolo della storica sinergia della città con il Ducato di Mantova: i tortelli di zucca con salsa al cioccolato e tartufo nero al profumo di krumiri. Ecco il menu completo: tartine con tagliata monferrina, terrina monferrina di uova al pomodoro, tortelloni di zucca e krumiri Portinaro con salsa al cioccolato fondente e tartufo nero, coppa di maialino alle spezie con crema di fagiolana della Val Borbera, crema cotta alla cannella di Casale Monferrato. (Costo € 40, vini inclusi - per prenotazioni tel. 014270295).



Castello del Monferrato • piazza Castello, 16
www.castellodelmonferrato.it
per info: Città di Casale Monferrato
URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico: 
tel. 0142444339

MURISENGO
Castello di Murisengo, Canonica di Corteranzo
I produttori del territorio al castello coi loro mangiari. E la storia della Merica

SABATO E DOMENICA

Dopo il grande successo della scorsa Golosaria, per la prima apertura del Castello completamente ristrutturato, quest'anno il castello di Murisengo replica la sua presenza con interessanti novità. 
Al piano terra per tutta la durata della rassegna saranno presenti i produttori locali di vini e cose buone.

Sabato pomeriggio, alle ore 16, nella sala superiore, momento clou con la presentazione di "Principessa Mafalda Titanic Italiano" alla presenza dell'autore Riccardo Garosci e di Paolo Massobrio: momento di confronto sul tema dell'immigrazione italiana e sulle conseguenze storiche e sociali che questo fenomeno ha avuto fino all'impatto con i giorni nostri. L’attrice Miriam Fieno leggerà alcuni brani estratti dal volume.
Il progetto Memo.Memorie del Monferrato a cura dell'associazione culturale C'era una volta di Villamiroglio racconterà questo fenomeno (che coinvolse anche la famiglia di Papa Francesco, originario di Portacomaro) attraverso il repertorio fotografico, testimonianza preziosa dell'epoca.

All'interno del Castello verrà proposto un menu per Golosaria con agnolotti, coniglio grigio di Carmagnola e zuppa realizzati da Il Pastificio in collaborazione con il Bar della Fontana.

Il castello, risalente al X secolo e appartenuto alla famiglia Scozia fino al 1873, è stato quasi completamente ricostruito nel XVII secolo. Dopo anni di abbandono, nel 2005 è iniziato un lavoro di restauro integrale che ha ridato vita all'antico parco con piante secolari, rose e fiori, alle sale affrescate, al lungo corridoio dell'interno, alla piccola e graziosa chiesetta all'interno delle mura e alla torre.



La Tenuta Isabella - Canonica di Corteranzo Relais, propone la visita alla cantina con degustazione dalle 10 alle 18 di sabato e domenica, mentre la domenica, dalle 10 alle 18 verrà servito un piatto di assaggi tipici monferrini abbinato a due calici di vino (costo € 16).

Castello di Murisengo
via Lanza, 14
www.castellodimurisengo.it

Tenuta Isabella - Canonica di Corteranzo Relais
via Recinto, 15 • tel. 0141693110
www.canonicadicorteranzo.it

VIGNALE MONFERRATO
Centro storico | Comicità e prodotti De.Co.

DOMENICA

Domenica 9 marzo, nella piazza principale e nelle vie del magnifico centro storico, dalle 10,30 alla presenza di Paolo Massobrio il paese si animerà con un grande momento di spettacolo con la presenza del comico Giovanni Storti, che presenterà il libro “Corro perché mia mamma mi picchia”, scritto a quattro mani con Franz Rossi. Interviene la nutrizionista sportiva Sara Cordara.
Ma non mancheranno altre sorprese e il riconoscimento all'amico del Grignolino che sarà conferito a Mario Calabresi, direttore de La Stampa.
Durante tutta la giornata e fino alle 19 grande festa con "Gli amici delle De.Co. - Raduno in piazza De.Co." con banchetti di vendita e degustazione dei prodotti De.Co. e non solo.



Situato in posizione splendida su uno dei colli più alti del Monferrato, Vignale si trova al culmine del triangolo tra Asti, Casale e Alessandria. Centro fiorente già nel Medioevo, oggi presenta tracce del suo passato nel centro storico dominato da una torre medioevale e da Palazzo Callori, bella dimora signorile del XV secolo, oggi in fase finale di restauro. Degli edifici storico-culturali e religiosi meritano una visita la chiesa di San Bartolomeo costruita tra il '700-'800, all'interno della quale si conservano affreschi di Luigi Morgari e un crocifisso del XVI secolo.

Comune di Vignale Monferrato
piazza del Popolo, 7 • 0142933001 – 0142933651
www.comune.vignalemonferrato.al.itinfo@comune.vignalemonferrato.al.it

MONTEMAGNO
Tenuta Montemagno - Torre di Viarigi
Asintrekking, grissia e vini per la merenda sinoira

SABATO E DOMENICA

In occasione di Golosaria la Tenuta Montemagno si propone come fulcro della rassegna sul territorio astigiano.
Durante il weekend la Tenuta sarà scenario di diverse iniziative come Asintrekking - pet terapy: sono invitati i bambini, con gli asinelli e i cavallini a cura dell'omonima associazione che offriranno la possibilità di un tour in e-bike (biciclette elettroassistite), escursioni in quad, paintball nelle vigne e sulle colline a cura dell'Associazione Monferrato Experience.

La tenuta rimarrà aperta e visitabile sia sabato che domenica, con i piatti tipici del ristorante La Braja dei fratelli Palermino (che potranno essere gustati all'aperto nell'ampia corte della Tenuta), i vini dell'azienda e con prodotti come la grissia del Comune di Montemagno. Inoltre, manufatti artigianali lavorati con il tufo da Gianmaria Sabatini e miele prodotto artigianalmente da Lorenzo Vergano. Per la prima volta in occasione di Golosaria la Torre dei Segnali del vicino Comune di Viarigi sarà aperta a tutti i visitatori, offrendo un'imperdibile vista panoramica sulle colline del Monferrato.

Tenuta Montemagno
via Cascina Val Fossato, 9 - tel. 014163624
www.tenutamontemagno.it

Comune di Viarigi
via Recinto, 6 - tel.0141611050
www.comune.viarigi.at.it

FUBINE
centro storico | Gli Infernot, la friciula e il paese in festa

SABATO E DOMENICA

Chiesa di Santa Maria Assunta
SABATO
ore 16 | Presso la Cappella di Palazzo Bricherasio la redazione giovanile di Limpida Fonte presenta la raccolta di poesie Sono tutte parole d'amore di Maria Rosa Dell'Angelo. Intermezzi musicali con Roberta Tribocco (flauto traverso) e Giulia Olearo (pianoforte) dell'Istituto Musicale "Carlo Soliva" di Casale Monferrato. Al termine agli intervenuti verrà offerto un tè caldo dall'Opera Pia Don Orione nella attigua sala del Conte.

• dalle ore 18 alle 20 il paese cambia volto e presenta un lato più misterioso e caratteristico delle colline monferrine: gli Infernot. Sarà infatti possibile visitarli, guidati dai giovani del paese. Durante il percorso brevi animazioni a cura della Compagnia Teatrale Fubinese, vin brulè caldo offerto dal Gruppo Alpini e qualche stuzzichino dai padroni di casa. Partenza del tour gratuito sarà l’infernot di Palazzo Bricherasio.

• dalle ore 19 degustazione di prodotti e vini locali (possibilità di acquisto) a cura della Pro Loco Fubinese presso il Salone di Palazzo Bricherasio. Momenti umoristici e non solo.

DOMENICA
visite guidate da personaggi in costume ai monumenti del centro storico con l’eccezionale apertura del giardino pensile del Castello dei Conti di Bricherasio, che offre una vista quasi a 360° sul Monferrato.
Orari di visita: 10/10.30 – Dalle 14 alle 17 visite ogni 20 min. Partenze visite e info point: Chiesa del Ponte. Parcheggio: Piazza Garibaldi e piazzale degli Alpini alla Casa del Popolo.
Nel pomeriggio durante le visite guidate, presso la Sala del Conte di Palazzo Bricherasio, la Compagnia Teatrale Fubinese metterà in scena “Cavalli, cavalieri e cavalli motore
Per l’intera giornata presso il Salone di Palazzo Bricherasio saranno ospitati alcuni produttori di eccellenze fubinesi e non solo, segnalate dalla GuidaCriticaGolosa di Paolo Massobrio.
Sempre presso il Salone, a pranzo, la Pro Loco proporrà qualche stuzzichino per i curiosi, mentre alle ore 15 proporrà la friciula.
Inoltre, sempre nei locali del castello, per l’intera giornata, sarà allestita la mostra fotografica “Contaminazioni e InContaminazioni

A Fubine, paese di probabile origine tardo-romana, meritano una visita la chiesa parrocchiale (che vanta uno splendido rosone, uno dei più pregevoli esempi di architettura quattrocentesca in Piemonte); la Cappella Bricherasio, in stile neogotico, edificata nel 1839 per opera di Leonardo Bistolfi, che ospita nella cripta il monumento funebre del Conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, co-fondatore della Fiat e dell'ACI; la chiesa del Ponte, nella zona denominata dei Cappuccini, uno dei monumenti più importanti di Fubine e il seicentesco Castello (Palazzo Bricherasio), ora adibito a casa di riposo dell'Opera Don Orione.

Comune di Fubine
via M. Pavaranza, 2 • tel. 0131778121 • www.comune.fubine.al.it
Dina Fiori - tel. 3393813777
Chiara Longo - tel. 3292145360

GABIANO
Castello di Gabiano | Assaggiando i vini nel più antico castello aleramico

SABATO E DOMENICA

Nei giorni di Golosaria l'emporio del castello di Gabiano resterà aperto per degustazioni e acquisti dei vini della tenuta con orario 10-12 e 15-18.
Sabato, dalle 15 alle 17 saranno organizzate visite guidate al castello (le cantine medievali, il cortile d’onore, il giardino sospeso dei tre orologi, la sala delle armi, la sala di Matilde Giustiniani, la sala da pranzo, la torre panoramica, il parco all’italiana e il labirinto di siepi di bosso) gratuite per massimo 25 persone (3 turni di 1 ora, consigliata la prenotazione; al raggiungimento del numero massimo di 25 persone per turno, non potranno essere aggiunti altri partecipanti).

Domenica le visite guidate al castello si potranno effettuare in turni al mattino in orario 10-12 e in tre turni al pomeriggio in orario 15-17, sempre su prenotazione e con massimo 25 persone per turno.
Alle 17, in occasione della Festa della Donna, si terrà un appuntamento di poesia e letteratura dedicato all'universo femminile.

Il castello di Gabiano fu fondato direttamente da Aleramo, primo marchese del Monferrato, già nell'VIII secolo. È tuttavia dal 1164, con l'investitura di Guglielmo II del Monferrato per mano di Federico I, che il castello diventa nodo strategico per il Monferrato. Dopo alterne vicende che portarono a crolli e distruzioni cui seguirono rifacimenti non sempre felici, negli anni Venti Matilde Giustiniani Durazzo-Pallavicini iniziò un’opera di restauro che riportò all’antico splendore i torrioni a pianta quadrata e circolare, i magnifici cortili interni, i pozzi e innumerevoli scorci. Oggi il castello è sede di importanti attività culturali e di un'azienda vitivinicola.


Castello di Gabiano • via San Defendente, 2
tel. 0142945004 • www.castellodigabiano.com

info prenotazioni:
Katia Gazzola, responsabile eventi & ospitalità Castello di Gabiano
accoglienza@castellodigabiano.com

CAMINO
Castello di Camino | Visite in costume e assaggi nel castello

DOMENICA

Nella giornata di domenica 9 il magnifico castello di Camino sarà aperto per visite guidate in costume medioevale. Inoltre, chi vorrà, potrà affittare un costume storico per effettuare la visita. Intrattenimento con la partecipazione di artigiani locali e banchi di assaggio dei prodotti del castello: vino, grappa, elisir e Krumiri.



Originario dell'anno 1000, questo castello, in posizione strategica, dominato dall'alta torre (44 metri), appartenne sino al 1200 ai Vescovi d'Asti per passare poi ai Marchesi del Monferrato. Nel 1323 Teodoro Paleologo, a causa dei debiti e bisognoso di denaro, concesse ai fratelli Tommaso e Francesco Scarampi, banchieri e mercanti d'Asti, l'investitura di Camino. Da allora fino al 1950 il Castello è sempre rimasto proprietà della famiglia Scarampi di Villanova. Per merito delle numerose opere di restauro e di un ottimo stato di conservazione, possono ancora essere ammirate le mura e le torri merlate, parte del nucleo originario. Del Settecento è la costruzione delle finestre ad arco sulla sommità della torre, la posa dei balconi in pietra sulla facciata e il rifacimento dello scalone e della sala dal ballo. All'interno del castello oggi vengono prodotti i vini tipici del Monferrato, e nell'ala sinistra del maniero è stata realizzata un'affascinante foresteria con 22 camere.
 



Castello di Camino - via Castello, 30

tel. 3297265678 • 
www.castellodicamino.it

MONCALVO
centro storico e castello
Un paese in festa con il bollito e i vini del Monferrato

SABATO E DOMENICA

Il bollito è la specialità principe di Moncalvo e in occasione di Golosaria Monferrato questo piatto verrà celebrato in maniera sontuosa sabato 8 (dalle 14,30 alle 17,30) e domenica 9 marzo (dalle 10 alle 17). Imperdibile la Visita alla stalla del bue, suggestivo e ghiotto appuntamento guidato presso la stalla dell'allevatore e macellaio Lauro Micco: ad attendere i visitatori, assaggi di bollito, ma anche di prodotti della tradizione degli allevamenti di Moncalvo. Presso la Bottega del Vino - Camminamenti, in piazza Antico Castello, degustazione di prodotti De.Co. di Moncalvo (J'Agnolòt Conì e Còi, la Grissia di Moncalvo, la Car Croa battuta al coltello e al Salam Cheucc), esposizione di banchi enogastronomici, attività di intrattenimento e visite al percorso dei quadri del Caccia.

Di origine romana, dei numerosi edifici storici val la pena citare Palazzo del Municipio (ex Convento di Monache Orsoline del XVII secolo su impianto preesistente), Casa detta dei Marchesi di Monferrato (decorazioni in cotto, secolo XV), e i resti del Castello (costruzione medievale, residenza dei Marchesi del Monferrato; atterrato alla fine dell'Ottocento, restano solo i possenti bastioni del XII secolo. Di recente restaurato con riqualificazione delle mura esterne e riapertura dei camminamenti sotterranei che percorrono il perimetro della fortezza). Tra gli edifici di carattere religioso meritano una visita la Chiesa di Sant’Antonio (secolo XVII) e la Chiesa parrocchiale di San Francesco (abside secolo XIII, facciata 1932) dove si possono ammirare numerose tele dell'insigne pittore Guglielmo Caccia detto "il Moncalvo" e quelle della figlia Orsola anch'essa pittrice, e una tela di Macrino d'Alba.

Comune di Moncalvo - Palazzo del Municipio

piazza Buronzo, 2 
- tel. 0141917505

www.comune.moncalvo.at.it
 - comunedimoncalvo@libero.it
Ufficio Turistico per informazioni su visite ed eventi: tel. 0141916467 - 3357224874

GRAZZANO BADOGLIO
Centro Storico e Abbazia
La culla del Monferrato, dove riposa Aleramo. E i giardini di marzo, prima della festa finale

DOMENICA

Il paese, che ha cambiato nome nel 1939 in onore del maresciallo d'Italia Pietro Badoglio, cui ha dato i natali nel 1871, domenica 9 marzo darà il via alla sua partecipazione a Golosaria nel Monferrato alle ore 10,30 con l’iniziativa “I giardini di marzo”, visite guidate alle corti e ai cortili delle più belle e antiche dimore di Grazzano Badoglio aperte in via straordinaria per l’occasione dalle 11 alle 17; presso ogni dimora si potranno effettuare assaggi e degustazioni delle aziende agricole vitivinicole grazzanesi.



Si potranno inoltre visitare l’Orto Benedettino del Chiostro dell’abbazia aleramica che custodisce al suo interno la tomba di Aleramo, il primo Marchese del Monferrato (961); i giardini della Tenuta Santa Caterina, antica dimora della potente famiglia dei Plebano, attualmente sede dell'omonima azienda vitivinicola (all'interno possibilità di degustazione e acquisto vini "Tenuta Santa Caterina") e raro esempio di giardino all'italiana. All'interno della Tenuta si potrà anche visitare l'infernot scavato a 17 metri sotto il livello della corte.

Saranno aperte al pubblico anche Casa Redoglia, già antica residenza della suore francesi di Nevers, con le sue secolari magnolie; nelle vicinanze possibilità di visita di infernot con grande camera circolare (degustazione vini Azienda Agricola Monti Emanuel); Casa Della Chiesa Morra, oggi Brion (all'interno degustazione vini dell’Azienda Agricola F.lli Natta) con il suo splendido cortile porticato che si affaccia sulla vallata ; “La Carusera”, con visita alla corte del “deposito delle carrozze”, rustico restaurato di Palazzo Cotti (all'interno degustazione vini dell'Azienda Agricola Saulin); Chiesa dei SS. Vittore e Corona (all'interno degustazione dei vini dell'Azienda Agricola Capretto Renato) con l'annesso chiostro dell'abbazia aleramica recentemente restaurato.

Per tutta la giornata, apertura del Chiostro dell’Abbazia e di Casa Badoglio (all'interno degustazione dell'Azienda Agricola Rappellino Dario), con possibilità di visitare omonimo Museo che, oltre a vari reperti e testimonianze storiche del periodo delle Grandi Guerre, vedrà per la prima volta l'apertura di nuove ale di tutto il complesso. 


In esclusiva per Golosaria, sarà anche possibile visitare gli Infernot del paese, tipiche cantine interrate dove si conservano i pregevoli vini della zona: due in piazza Cotti (proprietà Mosso-Redoglia e Monti-Colombaro), uno in via Roma, 49/A (proprietà Alasio) e uno in via Mameli (proprietà Testa).

 Faranno menu speciale per Golosaria con specialità locali e i migliori vini grazzanesi i ristoranti Il Bagatto (piazza Cotti), il Ristorante Natalina (viale Pininfarina), la Locanda Casa Costa (strada per Grazzano) e la Cascina Vajin (viale Pininfarina). 
In paese resteranno aperti anche l'Alimentari salumeria Carelli (via Garibaldi, 45 - tel. 0141925135), la Macelleria Walter Monzeglio (piazza Cotti) e la Macelleria Piero Duca (via Badoglio).

 Alle 18, festa di chiusura di Golosaria, com’è ormai tradizione, con la Zuppa dell’Abate presso il Chiostro.

Comune di Grazzano Badoglio
via IV Novembre, 1
tel. 0141925455 e, nel giorno dell’evento, tel. 3480598614
grazzano.badoglio@reteunitaria.piemonte.itwww.comune.grazzanobadoglio.at.it

ROSIGNANO MONFERRATO
Castello di Uviglie - Tenuta Agricola Castello di Uviglie
Locanda A casa di Babette | Tra Francia e Monferrato

SABATO E DOMENICA

Confrontarli non si può, farli incontrare sì: l’esperienze de La Cuvée, importatore di piccoli vignerons di champagne, permetterà di realizzare il primo evento dedicato a Champagne e Metodo Classico nel Monferrato. Nelle sale nobile del Castello di Uviglie di Rosignano Monferrato l’8 e il 9 marzo si terrà infatti Perlage sans Frontières una rassegna nella quale incontrare i piccoli produttori italiani e non che producono il vino attraverso il metodo classico. Un incontro, quindi, non una gara; un’occasione straordinaria per conoscere differenze e scoprire somiglianze fra “perlages” italiani e francesi, alla presenza di esperti, nella cornice di uno dei castelli più suggestivi del Monferrato.

Tutti possono entrare al Castello e visitarlo, l’ingresso è libero, la degustazione dei vini presenti è a pagamento.
Orari della rassegna: sabato 8 dalle 15 alle 19, domenica 9 dalle 10,30 alle 18.
Ma non finisce qui. La Cuvee nella sua Locanda a casa di Babette di Rosignano Monferrato proporrà sabato 8 marzo a partire dalle ore 20 una cena ragionata di piatti della tradizione monferrina. I vini proposti saranno tutte le etichette di “Perlage sans frontières”. Una grandiosa carta dei vini che sarà nuovamente presente al pranzo di domenica con un menu alla carta. 



La Francia entra più volte nella storia del Monferrato. E proprio nel cuore del Monferrato, ovvero in Valle Ghenza, nel comune di Rosignano Monferrato, due anni fa fu inaugurata la Locanda a casa di Babette, subito balzata agli onori della critica sulle principali guide gastronomiche. Qui si assaggia lo Champagne dei piccoli vigneron a bicchiere, accanto a una cucina monferrina decisamente originale. Sui colli a Est di Rosignano, si erge il castello di Uviglie, costruito tra il 1239 e il 1271 dalla famiglia dei Paucaparte di Celle. È il 1879 quando subentra il Conte Cacherano di Bricherasio, socio fondatore della Fiat. Dal 1992 la Tenuta del Castello diventa sede di coltivazione viticola, che prosegue ancora oggi.

Per prenotazioni e info:
A casa di Babette
tel. 0142489705 – 3357406654
www.acasadibabette.it

Castello di Uviglie
tel. 0142488792
 - 3316538771
info@ilcastellodiuviglie.com

SERRALUNGA DI CREA
Santuario di Crea, Az. Agr. Tenuta La Tenaglia
Da Leccarsi le dita: festa del cibo, del vino, del libro

SABATO E DOMENICA

I protagonisti saranno i prodotti agroalimentari del territorio; l'organizzazione Procomunica-Centro Studi per la Promozione e Comunicazione del Territorio, per la giornata di sabato e domenica ospiterà il mercatino dei produttori agroalimentari del territorio e (soltanto nella giornata di domenica) Book Market curato dalla libreria Labirinto di Casale Monferrato con presentazioni editoriali. Domenica nel corso della giornata presentazioni editoriali con l’autore e degustazioni di Grignolino accompagnate da prodotti tipici locali.
Sabato pomeriggio all'interno del “Ristorante di Crea” si terrà l'inaugurazione della prima enoteca esclusivamente dedicata al Grignolino, a cui seguirà una cena a tema e e degustazioni di Grignolino accompagnate da prodotti tipici locali.
Nella giornata di domenica si effettueranno visite guidate al Santuario della Madonna di Crea.

L'azienda vitivinicola Tenuta La Tenaglia sarà aperta al pubblico entrambi i giorni.

Situato presso Serralunga di Crea, luogo documentato già dal XII secolo, il Sacro Monte di Crea è stato riconosciuto nel 2003 dall'Unesco come Patrimonio dell'Umanità; vi si venera la Statua lignea della Madonna col Bambino che la tradizione vuole essere stata portata a Crea da S. Eusebio vescovo di Vercelli nel 350 d.C. La particolarità del luogo sono le 23 stazioni dedicate alla vita della Vergine più numerosi romitori sempre costruiti sullo stesso colle. All'interno del Santuario si trovano opere di Gugliemo Caccia detto il Moncalvo e della figlia Orsola Caccia. Il complesso del Santuario è inserito nell'omonimo parco naturale.

Santuario di Crea - tel. 0142940109
piazza Municipio, 6 - tel.0142940101
www.comune.serralungadicrea.al.it

MIRABELLO
centro storico | Il raduno dei Comuni Virtuosi nella Domenica del Villaggio

DOMENICA

Mirabello Monferrato, sulla strada tra Alessandria e Casale, location storica della manifestazione, quest'anno ospita per la prima volta l'Associazione Nazionale dei Comuni Virtuosi, di cui lo stesso paese fa parte. Saranno presenti alcuni rappresentanti di Comuni del Turismo Virtuoso provenienti da tutta Italia.

Domenica 9 marzo dalle 9 alle 18, Mirabello si anima con La Domenica del Villaggio: per tutta la giornata, nelle piazze del paese si attiverà il mercato enogastronomico con tanti stand di prodotti, oltre all'artigianato locale. Inoltre si concluderà la Settimana delle Belle Arti, dedicate alle rappresentazioni del territorio fatte con materiali di recupero, in programma in paese durante tutta la settimana dal 2 al 9 marzo. Durante tutta la manifestazione verrà proclamata la nuova De.Co. dedicata al salame cotto.

Si potranno visitare, dalle 9 alle 17, le Chiese di San Sebastiano, San Michele e San Vincenzo dove, alle 10, verrà celebrata la S. Messa. Dalle 11 alle 17 presso il Palazzo Municipale si potrà ammirare la mostra espositiva di manufatti antichi e del Registro del Catasto del 1377 (il terzo più antico del Piemonte).

Comune di Mirabello - piazza Marconi, 17 

tel. 014263121 - 0142640014

GIAROLE
Castello Sannazzaro | Un castello di pianura, un museo aperto

DOMENICA

Il castello medievale sarà aperto per visite (7 euro biglietto intero, per i ragazzi fino a 14 anni gratuito) domenica 9 marzo con i seguenti orari: 10,30-11,30-15-16-17. L'apertura includerà le sale del castello aperte al pubblico sia al piano terra sia al primo piano.

Il Castello medievale di Giarole fu edificato nel XII secolo e restaurato nell'800, epoca alla quale risalgono anche gli interni. Caso rarissimo nella storia, è sempre appartenuto alla famiglia dei Sannazzaro. Oggi è aperto per organizzare eventi pubblici e privati o per soggiorni in un'atmosfera d'altri tempi. Lo si può ammirare in tutto il suo splendore: con i mattoni a vista e il vasto parco attraversato dal torrente Grana, la chiesa di San Giacomo impreziosita da affreschi rinascimentali, un grande crocifisso e alcune tele di rilievo storico-artistico.

Castello Sannazzaro • via Roma, 5
tel. 3351030923 – 3472505519 • www.castellosannazzaro.it

LU
centro storico | I piatti cucinati sulle stufe a legna nel paese dei guinness

DOMENICA

Domenica 9 marzo, dalle ore 11, sarà organizzata una degustazione itinerante di piatti realizzati con prodotti del territorio (ritrovo in via Occimiano), cucinati interamente sulle stufe a legna della nonna, simbolo di una vita contadina non del tutto dimenticata.
Il menu prevede: sformato di patate e porri con bagna caoda alla nocciola verde, peperone sotto raspa, zuppa di cereali con puntine di maiale stufate, trippa in umido e sfoglia di polenta, bonet all'amaretto e fior di latte di capra. Tutti i piatti saranno abbinati ai vini dei produttori dell'Associazione Nobili Colline del Monferrato.
In occasione dell'evento si terrà una mostra fotografica a cura dell'Associazione Culturale San Giacomo dove sarà possibile ammirare uno spaccato della vita quotidiana del territorio negli anni passati.

Le origini del paese di Lu risalgono al lontano passato: ci sono tracce di insediamenti già dal V secolo a.C. Tra i gioielli luesi meritano una visita la torre del Castello di Lu (demolito nel 1556), la Pieve di S. Giovanni, recentemente restaurata, il Palazzo Comunale, edificato nel XVIII secolo così come la Chiesa di San Pietro, la pubblica piazza e le chiese di San Nazario e San Giacomo.

Associazione Nobili Colline del Monferrato

piazza San Valerio, 8 - tel. 3398833626

CASORZO
centro storico | Il tango e tutte le cose belle e buone del paese

DOMENICA

Domenica 9 marzo Casorzo celebra Golosaria per tutto il giorno nel centro storico del paese (piazza G. Verdi, piazza della Parrocchia, via XX Settembre e via Roma) con espositori di enogastronomia e di hobbystica e pone l’accento su alcuni dei suoi prodotti più rappresentativi: la Malvasia, alla quale sarà dedicata una speciale postazione nel banco d’assaggio dei vini del territorio, e ben due prodotti che otterranno il riconoscimento De.Co, ovvero il pane “Monferrina” e i “Baci di Casorzo”.
Tre appuntamenti da non perdere: l'esibizione di majorettes, lo spettacolo equestre del Circolo Ippico Monticello (ore 15) e lo spettacolo di tango argentino.

Pranzo a cura della Pro Loco con polenta e fagioli, antipasti e dolce, mentre nei ristoranti del paese (Al Bator, Cascina Moncucchetto, Bispeder) saranno proposti menu dedicati all’evento.

Protagonista della giornata sarà anche il Bi-Albero, la curiosa pianta formata da un ciliegio nato sopra un gelso, perfettamente in simbiosi fra loro, che è una delle attrattive più forti nella vallata estesa fra Casorzo e Grana. Oltre a visite libere, sarà possibile raggiungere il Bi-Albero anche con un bus navetta organizzato dal Comune di Casorzo. Durante la giornata, beltempo permettendo, brindisi sotto al Bi-Albero.

Numerose le particolarità monumentali di Casorzo. Visita alla chiesa Parrocchiale dedicata a S. Vincenzo Martire (ore 11,30), considerata una delle più belle chiese barocche della zona. Costruita nel 1730 circa, presenta una sola navata a forma di croce greca su disegno del Magnocavallo. Spicca poi il complesso della Beate Vergine delle Grazie, comprendente la Chiesa di S. Giorgio e Madonna delle Grazie di origine romanica, con facciata semicircolare ottocentesca, immersa nel verde, sulla cima di un'altura all'estremità est del paese. 



Comune di Casorzo - tel. 0141929225 • 3398855117
www.comune.casorzo.at.it

GRANA
centro storico | Raduno degli agnolotti a Denominazione Comunale

DOMENICA

Domenica 9 marzo Grana ospita il raduno delle De.Co. dell'agnolotto: saranno presenti delegazioni da Casale Monferrato, Pontestura, Francavilla Bisio, Felizzano e San Desiderio Calliano, con degustazione e vendita. Alle ore 10 apertura della rassegna dei produttori degli agnolotti De.Co.: Sapore di una volta Pontestura (Al), Pro Loco Francavilla Bisio (Al), Ristorante La Torre Casale Mon.to (Al), Ristorante La Torre Felizzano (Al), Circolo “Silenzio si mangia” San Desiderio Calliano (At) che rappresenterà “Il gobbo d’Asti” e di altri prodotti enogastronomici. Fra gli espositori, anche fiori e mimose dei Vivai Piatto di Asti, ideatore della rosa Marchesa D’Argotte, varietà dedicata ai vitivinicoltori di Grana. Dalle 10,30 intrattenimento alla scoperta delle tradizioni popolari con il gruppo folk “J’Arliquato”. Alle ore 11 raduno a cura del Vespa Club Alfieri. Alle 12,30 pranzo con Menu Golosaria organizzato dalla Pro Loco di Grana.
Dalle ore 15 camminata lungo sentieri e percorsi nei dintorni del paese con la partecipazione del Nordic Walking Asti, a cura di Dino Fantato. Al ritorno, possibilità di merenda sinoira presso la Pro Loco (necessaria la prenotazione). In occasione dell’evento, il Comune presenterà la De.Co. dell’Agnolotto d’asino di Grana.

Grana sorge su un colle alla destra del torrente omonimo. Il nucleo originario è raccolto sulla sommità intorno alla maestosa chiesa parrocchiale dedicata alla B.V. Assunta e compresa in quella che era l'antica cinta fortificata. A testimonianza restano alcune mura del castello medievale risalente al X secolo. Attigua alla chiesa sorgono la Cappella delle Reliquie e la Pinacoteca, scrigno di preziosi sacri e importanti tele attribuite a Guglielmo Caccia, Crosio, Alberini, Aliberti. Un altro edificio religioso che merita una visita è la Chiesa dell'Annunziata con ha al suo interno una preziosa tela del Moncalvo e un quadro di Anacleto Laretto, pittore granese.

Comune di Grana • tel. 014192623- 3357858692
comunedigrana@micso.netwww.comune.grana.at.it

SCURZOLENGO
centro storico | Il mercatino dell'antiquariato e la torta della Carità

DOMENICA

Il mercatino dell'antiquariato e la torta della Carità
Il centro storico di Scurzolengo per la prima volta si anima durante Golosaria Monferrato (dalle 9 alle 18), grazie al mercato dell'Antiquariato che metterà in mostra le antiche attrezzature agricole impiegate nei mestieri di una volta. Numerosi gli espositori di prodotti agroalimentari, tra cui vino, miele, formaggi e prodotti da forno. Immancabile la De.Co. della Carità, torta legata a una particolare tradizione tipica ed esclusiva di Scurzolengo.
La Pro Loco offrirà menu a 7 euro (agnolotti, caritin e bicchiere di vino), mentre il ristorante Da Vinci e La Raviola Galante proporranno menu speciali per Golosaria al prezzo di 25 euro tutto compreso.

Di probabile fondazione longobarda, Scurzolengo possiede un castello risalente al XV secolo, costruito nel luogo di un precedente castrum romano. Da segnalare la chiesa settecentesca di Sant'Andrea e San Lorenzo.

Comune di Scurzolengo
via Maiocco, 2 - tel. 0141203118
www.comune.scurzolengo.at.it

ALTAVILLA MONFERRATO
Distilleria Mazzetti d’Altavilla Distillatori dal 1846
Alla scoperta della grappa

SABATO E DOMENICA

Mazzetti d’Altavilla – Distillatori dal 1846 rappresenta la più antica grapperia piemontese. Situata in cima alla collina di Altavilla Monferrato, l’azienda trova sede presso una dimora storica, inizialmente destinata a diventare un monastero.
 Qui giungono, ogni anno, le vinacce dei più noti e rinomati vitigni piemontesi, nel rispetto della volontà della famiglia Mazzetti di restare fedele alla tradizione e al territorio.

In occasione di Golosaria l’Enoteca Monferrina di Mazzetti d’Altavilla – Distillatori dal 1846 sarà aperta per degustazioni gratuite e acquisti e visite libere alla Cappella Votiva “La Rotonda” e alla Mostra d’Arte nei seguenti orari: ore 10 - 12.30 e 15 - 18.30.

Mazzetti d'Altavilla
viale Unità d'Itlia, 2 - tel. 0142926147
www.mazzetti.iteventi@mazzetti.it

CASTAGNOLE MONFERRATO
Azienda Luca Ferraris Vineyard | Ruche', auto e moto d'epoca

SABATO E DOMENICA

Nei due giorni (orario 10-19) di Golosaria l'azienda Luca Ferraris Vineyard sarà aperta per degustazioni di vini, ma anche per un'esposizione di auto e moto d'epoca, che sono il simbolo di un'eccellenza tutta “made in Italy”.

Luca Ferraris Vineyard
loc. Rivi - S.P. 14 • tel. 0141292202
www.lucaferraris.it

PIEA
Castello di Piea | La visita al castello con l'abito di Kate Winslet del Titanic

DOMENICA

Domenica 9 marzo, dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 19, il castello di Piea apre al pubblico le sue sale, arricchite da affreschi e monumentali lampadari di Murano e che ospitano una preziosa esposizione di porcellane, tra cui vari pezzi di Meissen (XVIII sec.), costumi d’epoca e mostra di ritratti e cimeli appartenuti a Casa Savoia. Confidando in un anticipo di primavera, sarà possibile assistere alla fioritura in anteprima delle 40.000 bulbose del parco del castello. Oltre a narcisi di insolite e rare varietà, quest’anno il parco ospita anche fritillarie, giacinti, tulipani e allium, che saranno in piena fioritura il 21 marzo, data della V edizione de “Il Narciso Incantato”, ormai tradizionale e spettacolare evento organizzato dal castello di Piea.

Una curiosità: all’interno del castello, completamente arredato con pregevoli mobili e suppellettili d’epoca, sarà esposto l’abito originale indossato da Kate Winslet sul set del film “Titanic”. 
Biglietto d’ingresso: € 7 comprendente sia la visita guidata al Parco sia agli interni del castello, alla scuderia, alla ghiacciaia e ai sotterranei, sino a ora mai aperti al pubblico.

Castello di Piea d’Asti
piazza Italia, 3
tel. 0141901641 - 3926194165 - 3277055413
www.castellodipiea.com

MONTIGLIO MONFERRATO
centro storico | Tajarin e fasò attorno al castello

DOMENICA

Il centro storico di Montiglio accoglie Golosaria Monferrato in un clima di festa, coincidendo quest'anno Golosaria con l’ultima domenica di Carnevale; saranno ancora in corso le seguenti manifestazioni sul territorio in occasione del Carnevalone: in frazione Carboneri dalle ore 12 alle 13 distribuzione polenta, salciccia, bugie e vino; in frazione Sant’Anna dalle 12 alle 13, 54^ edizione del Carnevale con distribuzione di taiarin e fasò, polenta e salciccia, bugie e vino.
Il tema portante degli eventi domenica pomeriggio riguarda la torta di nocciole di Montiglio, alla quale è dedicato un laboratorio a cura della Pro Loco nel salone polifunzionale Bruno Mellone a partire dalle ore 15,30. Si tratta di un focus sulla preparazione di questo dolce presentato al Festival delle sagre astigiane, da gustare come merenda in abbinamento a vini del territorio. I luoghi più interessanti e ricchi di storia del paese saranno aperti al pubblico, come la Chiesa romanica di San Lorenzo, con il percorso guidato “Tracce di Storia”, e le aperture straordinarie dei castelli di Concalvagno e Montiglio.

La presenza dell'abitato di Montiglio è documentata da prima dell'anno 1000. Il luogo è conosciuto come "il paese delle meridiane", numerose dipinte sui muri delle abitazioni, e dal castello (XII secolo). Nel parco del castello sorge la Cappella di Sant’Andrea, considerata un vero e proprio gioiello di arte pittorica per il ciclo di affreschi trecenteschi delle sue pareti interne, raffigurante episodi della vita di Gesù. Sempre in Montiglio si trova la chiesa romanica di San Lorenzo (sec. XII), di particolare interesse scultoreo e architettonico.

Comune di Montiglio Monferrato tel. 0141994008
ufficio IAT tel. 0141994006
montigliomonferrato@tin.itwww.montigliom.at.it

DUSINO SAN MICHELE
centro storico | I dolci dei due santi

DOMENICA

La grande novità di Dusino San Michele sono i "Dolci dei due Santi" dedicati a San Michele (protettore del paese di San Michele) e San Rocco, patrono di Dusino, realtà amministrative un tempo distinte e poi unite sotto la stessa municipalità.
Il dolce di San Michele è ottenuto da grano tenero coltivato in zona, quello di San Rocco da meliga. Per proporli, il Comune ha pensato a uno speciale cofanetto, sulla cui confezione è raccontata la storia dei due dolci. Parte del ricavato dalle vendite dei cofanetti sarà devoluto in beneficenza.
Nella giornata di domenica in tutto il paese saranno allestite bancarelle di prodotti enogastronomici e dell’artigianato; il ristorante Taverna di San Michele per inaugurare la sua nuova gestione proporrà invece per pranzo uno speciale Menu del Passeggero con piatti tipici del territorio, che può già vantare la De.Coc. del Cussot.
Sempre domenica si svolgerà la premiazione del Concorso per ragazzi della scuola sul tema “Dipingiamo il paese”.

Info: Comune di Dusino Michele - Tel. 0141930123 - dusino.san.michele@ruparpiemonte.it

ASTI
Palazzo dell'Enofila | La grande fiera dei vini Doc e Docg del Piemonte

VENERDI', SABATO E DOMENICA

Sotto le splendide volte del Palazzo dell'Enofila da venerdì 7 a domenica 9 marzo si svolgerà la IV edizione della Fiera dei Vini della Luna di Marzo promossa dalla Camera di Commercio di Asti attraverso la sua Azienda speciale e in collaborazione con l'Onav.
La Fiera (a ingresso gratuito) è dedicata ai migliori vini e spumanti Doc e Docg del Piemonte. I produttori faranno degustare i propri vini e potranno anche venderli.

Insieme ai vini ci saranno le eccellenze della rassegna agroalimentare “Asti Fa Goal” e le specialità enogastronomiche della provincia di Parma, grazie al coinvolgimento della locale Camera di Commercio. La manifestazione sarà inoltre arricchita da mostre e convegni.
Il programma del weekend sarà accompagnato dai piatti tipici del Festival delle Sagre Invernali con i piatti della tradizione monferrina in abbinamento ai vini Doc e Docg.

Palazzo dell'Enofila - corso Felice Cavallotti, 45
www.doujador.it

GLI ITINERARI DEL SABATO  clicca qui

ORARIO CASTELLO DI CASALE: ore 11 (inaugurazione) - 19.30

itinerario 1 • km totali 37 o 44
• partenza CASALE MONFERRATO
• 27 km (35') MONTEMAGNO
• 1^ alternativa: 10 km (10') arrivo FUBINE
• 2^ alternativa: 17 km (20') arrivo ROSIGNANO

itinerario 2 • km totali 57 o 58
• partenza CASALE MONFERRATO
• 27 km (35') GABIANO
• 15 km (20') MURISENGO
• 1^ alternativa: 15 km (20') arrivo MONCALVO
• 2^ alternativa: 16 km (20') arrivo SERRALUNGA DI CREA

itinerario 3 • km totali 45
• partenza CASALE MONFERRATO
• 17 km (20') SERRALUNGA
• 12 km (15') MONCALVO
• 16 km (20') arrivo ROSIGNANO MONFERRATO

GLI ITINERARI DELLA DOMENICA clicca qui

ORARIO CASTELLO DI CASALE: ore 10 - 19

itinerario 1 • km totali 29
• partenza VIGNALE MONFERRATO
• 9,5 km (10') MONTEMAGNO
• 3,5 km (5') CASTAGNOLE MONFERRATO
• 6 km (10') GRANA
• 6 km (10') CASORZO
• 4 km (6') arrivo GRAZZANO BADOGLIO

itinerario 2 • km totali 49
• partenza VIGNALE MONFERRATO
• 5,5 km (10') ALTAVILLA MONFERRATO
• 7,5 km (10') FUBINE
• 18,5 km (25') LU
• 5 km (6') MIRABELLO
• 4 km (6') arrivo GIAROLE
• 14 km (20') CASALE MONFERRATO

itinerario 3 • km totali 60
• partenza CAMINO
• 22,5 KM (25') MURISENGO
• 6 km (10') MONTIGLIO
• 7,5 km (10') PIEA
• 23 km (28') arrivo MONCALVO

itinerario 4 • km totali 62
• partenza CASALE MONFERRATO
• 27 km (40') GABIANO
• 15 km (20') MURISENGO
• 15 km (26') MONCALVO
• 5 km (5') arrivo GRAZZANO BADOGLIO

itinerario 5 • km totali 39
• partenza CASALE MONFERRATO
• 10 km (19') ROSIGNANO MONF.TO
• 13 km (20') SERRALUNGA DI CREA
• 11 km (16') MONCALVO
• 5 km (8') arrivo GRAZZANO BADOGLIO

itinerario 6 • km totali 51,5
• partenza MONTEMAGNO
• 6 km (10') CASORZO
• 5,5 km (7') GRANA
• 5 km (7') SCURZOLENGO
• 11 km (17') ASTI
• 24 km (30') arrivo DUSINO SAN MICHELE

lunedì 3 febbraio 2014

Sorgnte del Vino Live 2014 dal15 al 17 Febbraio Rggio Emilia

Sorgentedelvino LIVE 2014 – Mostra dei vini naturali, di tradizione e territorio 13

La sesta edizione di Sorgentedelvino LIVE si svolge sabato 15, domenica 16 e lunedì 17 febbraio 2014 negli spazi della Fonderia a Reggio Emilia.

Uno spazio vivo di arte e cultura accoglie questa 6a edizione di Sorgentedelvino LIVE. La Fonderia è infatti sede della Fondazione Nazionale della Danza Compagnia Aterballetto.

Questa nuova situazione ci porta ancora un passo avanti nel nostro percorso di scoperta e conoscenza dei vini fatti compiendo scelte rispettose della natura, delle tradizioni, del territorio e – soprattutto – delle persone. 150 produttori che hanno scelto di non usare la chimica di sintesi in vigna, ma di affidarsi alla generosità della natura e alle proprie competenze tradizionali per portare in cantina uva sana e ricca di sapori da trasformare in vino. Ancora una volta senza il sussidio di interventi oggi molto moderni che permettono facili scorciatoie in cantina.
Trovarci in un luogo di cultura viva è per noi un’occasione per riflettere sul valore enorme della cultura contadina senza la quale nessuno di questi vini avrebbe potuto nascere. Una cultura viva che ogni anno cresce e si rapporta a situazioni diverse tanto che non esiste un vino uguale a un altro: vini unici e irripetibili. Trovarci in un luogo dove nasce l’arte ci stimola a cercare il tocco d’arte dentro ogni sorso di vino, ma anche a ricordarci di quelle “arti e mestieri” che nel tempo hanno costruito il nostro patrimonio genetico.
Abbiamo attraversato l’Italia, scoperto vigneti, visitato cantine; abbiamo parlato e assaggiato molto in questi anni senza smettere mai di stupirci o di imparare. Ci sono vini che abbiamo visto nascere nelle prime vendemmie che abbiamo seguito e che oggi finalmente potremo gustare insieme a chi li ha fatti, a chi li porterà a casa sulle proprie tavole e a chi li proporrà nelle sale dei propri ristoranti. Sì, perché come per magia ogni anno il vino è capace di regalare emozioni e assaggiarlo ascoltando e guardando negli occhi i vignaioli che – con grande pazienza e entusiasmo – sono lì per raccontarci una nuova vendemmia e una nuova bottiglia è il modo migliore per scoprirlo.
Questa sesta edizione di Sorgentedelvino LIVE è per noi una vera e propria ode al vino, al suo mondo e alle sue persone e vogliamo invitare tutti a festeggiare insieme questo tripudio della natura!